La labirintite

La Neurite vestibolare, nota anche come labirintite, è la seconda causa più comune di vertigini. Sebbene nella maggior parte dei casi l'eziologia non sia chiara, vi sono prove a sostegno di un'eziologia virale (1).


Il sintomo principale è l'insorgenza acuta di una prolungata e grave vertigine rotazionale che è esacerbata dal movimento della testa, associato ad uno squilibrio posturale con tendenza a cadere verso il lato colpito e nausea. La perdita dell'udito di solito non è presente. La condizione colpisce principalmente le persone di età compresa tra i 30 e i 60 anni, con un picco per le donne nel quarto decennio e per gli uomini nel sesta decade. I sintomi di solito diminuiscono dopo un periodo da 48 a 72 ore e il ritorno all'equilibrio normale avviene gradualmente in circa 6 settimane. Movimenti rapidi della testa verso il lato leso, tuttavia, possono comunque causare una leggera oscillopsia visiva ed alterare l'equilibrio per un breve momento (2).


Il recupero è prodotto dalla combinazione di una compensazione centrale dello squilibrio del tono vestibolare, aiutato dall'esercizio fisico, ed il ripristino periferico della funzione labirintica (quest'ultimo si trova in circa due terzi dei pazienti) (3).

Il trattamento iniziale della neurite vestibolare giova del riposo a letto e può essere completato dall'uso di soppressori vestibolari. Tuttavia una volta che i sintomi come le vertigini più gravi e la nausea sono passati (dopo 24 - 72 ore), la deambulazione può riprendere con l'assistenza fino ad essere indipendente nei prossimi giorni. Allo stesso tempo, la somministrazione di soppressori vestibolari dovrebbe essere fortemente diminuito o, meglio ancora, fermato completamente perché prolungano il tempo necessario ad ottenere una compensazione centrale.

Per accelerare ulteriormente il processo di recupero, è fondamentale introdurre esercizi vestibolari; questi sfidano i meccanismi compensatori del sistema nervoso centrale (SNC), stimolando l'adattamento. Questi esercizi sono studiati per migliorare sia la stabilità dello sguardo che la postura statica e dinamica (4).


Dott.ssa Francesca Girasole, fisioterapista


(1) Schuknecht HF, Kitamura K. Vestibular neuritis. Ann Otol

Rhinol Laryngol. 1981;90 (suppl 79).

(2) Büchele W, Brandt T. Vestibular neuritis—a horizontal

semicircular canal paresis? Adv Oto-Rhinol-Laryngol.

1988;42:157.

(3) Kattah JC, et al. HINTS to diagnose stroke in the acute

vestibular syndrome: three-step bedside oculomotor examination

more sensitive than early MRI diffusion-weighted

imaging. Stroke. 2009;40:3504.

(4) Strupp M, et al. Vestibular exercises improve central

vestibulo-spinal compensation after vestibular neuritis.

Neurology. 1998;51:838.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti