top of page

La riabilitazione del pavimento pelvico

Aggiornamento: 11 giu

Tratta una sfera particolarmente intima della persona. Oggi l’informazione e le conoscenze hanno portato a parlare con più libertà delle problematiche del pavimento pelvico e a considerare il trattamento fisioterapico, la cura elettiva delle stesse.



A chi si rivolge?

  • se ti trovi nel periodo pre/post parto

  • sei in menopausa

  • hai sofferto di dolore pelvico

  • hai problemi di incontinenza

  • soffri di endometriosi

  • soffri di prolassi

  • hai subito interventi chirurgici a livello pelvico

  • hai riscontrato dolore nei rapporti o vaginismo

  • nell'uomo dopo interventi chirugici (es. post prostatectomia)



In cosa consiste? 

Inizialmente in un colloquio verbale, attraverso il quale viene raccolta l’anamnesi del paziente. Successivamente si passa all’esame obiettivo, che consiste in una osservazione visiva attraverso cui si verifica lo stato della pelle e delle mucose, eventuali modificazioni anatomiche e l’effetto dell’attività muscolare volontaria del pavimento pelvico. 


Vengono poi valutati l’attività riflessa, la sensibilità, compresa l’eventuale presenza di punti dolorosi, il tono, il trofismo, e direttamente l’attività volontaria del pavimento pelvico. 


Termina poi con la valutazione della funzionalità motoria dei muscoli della parete addominale o di altri muscoli e articolazioni del bacino, delle cosce, del torace, che sono strutture funzionalmente correlate al pavimento pelvico. Le informazioni raccolte durante la valutazione sono fondamentali per stabilire il percorso riabilitativo che può comprendere trattamento manuale, biofeedback, esercizi, consigli su prodotti ecc.

 

Presso il Centro Salus verrà eseguita una prima valutazione gratuita dalla

Dott.ssa Francesca Girasole nella settimana dall’11 marzo al 15 marzo.


Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page