Gravidanza e post-partum

OSTEOPATIA

Gravidanza 1° trimestre: l’aiuto dell’osteopata

L’intervento osteopatico può aiutare a ridurre nausea, vomito, stanchezza, lombalgia, preparando la futura mamma a vivere nel modo migliore i due trimestri successivi, parto e post-partum

  • 1° trim.jpg

Ogni gravidanza, così come ogni parto, ha una storia a sé e il modo di viverla, sia da un punto di vista fisiologico che psicologico, è molto variabile da donna a donna. Tuttavia, per quanto riguarda il primo trimestre di gestazione, si riscontrano una serie di sintomi molto comuni causati da cambiamenti ormonali fisiologici. Tra questi vi sono nausea, vomito, stanchezza, lombalgia.

Il trattamento osteopatico effettuato nel primo trimestre può, da un lato, aiutare ad alleviare questi sintomi, dall’altro, creare le condizioni migliori per il proseguimento della gravidanza.

Attraverso una serie di tecniche miotensive e fasciali, che agiscono cioè sull’apparato muscolare e sulla fascia di tessuto connettivo che avvolge gli organi e i muscoli del nostro corpo, l’osteopata può procedere alla pulizia delle disfunzioni somatiche, ovvero a sciogliere i blocchi vertebrali e tutte le restrizioni di mobilità della struttura ossea centrale (colonna, coste, osso sacro, cranio). Parallelamente, dovrà tuttavia evitare di trattare i legamenti sacro-ischiatici (quelli che partono dal sacro e arrivano all’osso ischiatico) per lo stretto rapporto che essi hanno con il plesso ipogastrico, all’interno del quale rientra anche l’innervazione dell’utero.

È molto importante in questa fase mantenere l’utero mobile, liberare la cerniera OAE  (occipito-atlante-epistrofea, cioè l’osso occipitale e le prime due vertebre cervicali), il cranio e il sacro, riequilibrando la struttura nel suo complesso e assicurando un buon drenaggio degli emuntori, gli organi deputati all’eliminazione delle sostanze indesiderate e delle tossine prodotte dal corpo.

Operando in questo modo e se non intervengono patologie particolari, la futura mamma si prepara ad affrontare nel modo migliore i due trimestri successivi, iniziando anche a porre le prime basi per un sereno post-partum.

Scopri di più