Colonna vertebrale

Ipercifosi

  • ipercifosi_lusenti.jpg

Definizione:

sono normali le curve sul piano sagittale la cui angolazione è compresa fra quelle sotto indicate.

Cifosi

(curva a concavità anteriore compresa fra T4-T12)
Valore medio 36º ± 10º

Lordosi

Valore medio 45º ± 10º
La distribuzione dei parametri delle curve ha un andamento a campana (tipo Gaussiano).
Viene sempre rispettata la posizione radiologica di riferimento per le radiografie del rachide in toto in ortostasi.

  1. il paziente è a gambe tese e riunite
  2. braccia lungo il tronco
  3. avambraccio a 110º appoggiato al sostegno
  4. la posizione deve essere rilassata e la più vicina a quella abituale

Incidenza l’ipercifosi : che richiede trattamento ortopedico – è riscontrata nel 5‰ della popolazione.

Classificazione: si distinguono le forme idiopatiche o di origine sconosciuta; costituzionali; da malattia di Scheuermann; displasiche; congenite; da traumatismi vertebrali; da distrofie.

Bilancio di un’ipercifosi: comporta un’anamnesi famigliare, personale; un esame clinico, uno dinamico ed uno radiologico.

Trattamento ortopedico in periodo di crescita vengono trattate cifosi 55º; curve la cui angolazione è compresa fra i 45º ed i 55º ma sono rigide; curve dolorose su distrofia del rachide dell’accrescimento; cifosi evolutive (aggravamento della curva in due bilanci radiologici successivi 5º per curva di angolazione compresa fra i 45º ed i 50º).

Il trattamento consiste in ortesi gessata, indossata per 4 settimane per le curve rigide e successiva ortesi bivalve con appoggio manubriale nell’adolescente, da portare solo la notte o anche in posizione seduta a scuola a seconda della gravità della curva; ortesi di tipo Milwaukee con placca posteriore da portare la notte nel bambino.

 

Scopri di più

  • Pieremilia Lusenti Pieremilia Lusenti
    Ruolo attuale Responsabile del Settore Scoliosi del Servizio Materno-Infantile per l’ASL di Piacenza e Medico Fisiatra presso il Centro Salus di Reggio Emilia…