Articolazioni

Home>News>Articolazioni
FISIOTERAPIA

Il taping con nastro elastico

Il bendaggio adesivo anallergico che aiuta a potenziare e mantenere i risultati raggiunti col trattamento fisioterapico tramite la stimolazione dei recettori nervosi e la circolazione linfatica

  • TAPING.jpg

Vi sarà probabilmente capitato di vedere, in tv o dal vivo, atleti decorati con strisce di cerotti adesivi di varie forme e colori (celebre è l’immagine di Mario Balotelli durante la partita Italia-Germania agli Europei di calcio del 2012); forse, più recentemente, anche in ufficio o sul posto di lavoro avrete notato spuntare dal colletto o dal polsino della camicia di qualche vostro collega che soffre di dolore cervicale o magari di una tendinite, un pezzetto di questi nastri. Vi siete chiesti che cosa siano esattamente e quale sia la loro funzione?

Il nome generico di questo strumento utilizzato dal fisioterapista è “tape” (nastro, bendaggio) da cui deriva la tecnica del “taping”. In particolare, questa tecnica di bendaggio prevede l’utilizzo di una benda adesiva anallergica di tessuto elastico colorato; il materiale utilizzato non contiene farmaci né lattice. In origine, questo tipo di bendaggio nasce in alcuni paesi dell’emisfero orientale, verso la fine degli anni ’80, come Giappone, Korea del sud, Australia; si impone inizialmente in ambito sportivo, raggiungendo massima visibilità con le olimpiadi di Pechino 2008, poi si diffonde anche in ambito fisiokinesiterapico. Dall’utilizzo di questo tipo di tape sono nate molte scuole di formazione che hanno dato al nastro stesso e al metodo nomi commerciali differenti; nonostante qualche differenza tra di esse, i principi di funzionamento e i metodi di applicazione hanno molte radici in comune; per questo motivo, e per non utilizzare senza permesso marchi registrati, parliamo genericamente in questo articolo di taping (con benda elastica) e non di una singola metodologia.

Come funziona

Sostanzialmente sfruttando la stimolazione di determinati recettori nervosi sparsi in alcune strutture del nostro corpo (cute, muscoli, tendini, fasce, capsule articolari) per ottenere dal sistema nervoso stesso una risposta terapeutica o di normalizzazione di una situazione alterata. Inoltre, la tensione con cui viene applicato il tape elastico (che varia in base all’effetto ricercato) crea delle “grinze” che sollevano la cute e le strutture sottostanti, riducendo la pressione sui recettori del dolore e favorendo una migliore circolazione linfatica. Gli effetti descritti portano quindi ad avere miglioramenti sul dolore, sul sistema linfatico, sul tono muscolare e la tensione fasciale, sulla sensibilità propriocettiva e quindi sulla qualità del movimento (postura o gesto sportivo).

 

Come può aiutare

L’efficacia del taping con nastro elastico è al momento oggetto di studi che ne possano comprovare l’evidenza; anche se queste ricerche non danno risposte univoche, a livello clinico i risultati che si osservano nella pratica quotidiana e le risposte degli utenti sono sicuramente positive. Gli effetti che vi ho descritto prima sono assimilabili a quelli che si ottengono con alcune tecniche di terapia manuale, ovviamente con un’intensità più blanda ma con il vantaggio della durata di mantenimento dell’applicazione, in media 3-4 giorni. Con questo non voglio definire questa tecnica come “miracolosa”; essa non può certo sostituire il lavoro del fisioterapista, ma è un ottimo complemento per stabilizzare i risultati del suo trattamento.

Per concludere, ecco quindi quali sono le principali situazioni in cui il tape elastico si dimostra un efficace supporto al trattamento del fisioterapista:

  • riduzione dell’infiammazione locale e del dolore correlato

  • esiti di traumi muscolari e articolari

  • miglioramento del drenaggio linfatico con riduzione dell’edema/ematoma conseguente a contusioni, traumi, chirurgia

  • controllo del tono muscolare, sia quando è eccessivo (contrattura) sia quando è insufficiente (debolezza)

  • miglioramento del controllo posturale e del gesto sportivo, trattamento pre-gara e post-gara

 

In particolare, i fisioterapisti del Centro Salus sono specializzati nell’utilizzo delle metodiche Kinesio Taping® e Taping Neuromuscolare®.