Osteopatia

Come agisce

  • Ospeopatia2.jpg

L’osteopata utilizza una tecnica manipolativa essenzialmente manuale che esclude il ricorso a rimedi chimico-farmaceutici e che si basa su un attento studio anatomico del corpo umano e, in particolare, delle interconnessioni fra i suoi diversi sistemi e la struttura osteo-articolare. L’osteopata si serve di questa tecnica per fare diagnosi, trattare e prevenire la malattia.

Diagnosi

La diagnosi osteopatica è rivolta a individuare quali sono le vere cause che hanno provocato i sintomi lamentati dal paziente. A tal fine, l’osteopata valuta la postura, la colonna vertebrale e l’equilibrio, oltre che la densità dei muscoli, dei tendini, dei legamenti e dei tessuti in genere. A questa indagine si integrano l’anamnesi del paziente e i risultati degli esami strumentali di laboratorio.

Trattamento

Lo scopo del trattamento osteopatico è restituire una corretta mobilità alle diverse strutture del corpo, creando le condizioni affinché l’organismo possa ritrovare il proprio equilibrio e dunque lo stato di salute. La manipolazione osteopatica si applica a segmenti scheletrici, articolazioni, cranio, organi interni, fasce muscolari. La maggior parte delle tecniche utilizzate è finalizzata all’attenuazione delle contrazioni muscolari, alla detensione delle fasce e del tessuto connettivo allo scopo di ridurre il dolore, correggere i disequilibri strutturali  e meccanici, ridurre le alterazioni patologiche. L’ampia varietà di tecniche praticate permette terapie altamente personalizzate e applicabili ai diversi disturbi specifici per ogni singolo paziente.

Prevenzione

L’obiettivo principale del trattamento osteopatico è mettere l’organismo nelle condizioni di sfruttare al meglio i propri fenomeni di autoregolamentazione, permettendogli di reagire e difendersi dalle aggressioni.